A Momenti mi ammazzo

Momento I: ore 7.45 Poco sveglio e con i riflessi propri di un bradipo mi fermo per un caffè+pieno+giornale a Desenzano. La macchina del caffè è rotta. Il Corriere è finito, è il primo giorno del mese, quindi mi è scaduta la carta carburante, ma la solerte cassiera sorridendo con un rimarcato accento bresciano mi dice felice che con una piccola aggiunta posso avere un DVD di Lino Banfi. Risalgo in macchina imbronciato come un bambino di 4 anni e riprendo le danze.

Momento II ( a volte ritornano): sulla tratta finale della tangenziale di Mestre trovo il primo tratto di strada libero dopo quattro ore di code a singhiozzo. Spingo sull’acceleratore, alzo il volume dell’autoradio e mi godo i Pearl Jam a tutto volume e a 170 KMH proprio mentre una pattuglia fotografa la mia beata espressione.

Momento III: ricevo la prima busta paga del 2006, con il promesso aumento di 100 euro lordi. Spulciando tra le righe trovo la conferma dell’aumento. Proprio la riga sotto, senza nemmeno andare lontano, trovo una detrazione di 149 euro. Ripenso alla felice frase "si stava meglio quando si stava peggio". La sensazione di essere più ricco di prima si accompagna alla sensazione di essere più povero, in un cocktail stupendo. Su suggerimento dell’Elegante presto scriveremo un pezzo a quattro mani sull’importanza del lavoro come missione di vita. Con una breve postilla su come tirare la fine del mese.

Momento IV: cerco un notaio per la casa. Spargendo la voce arrivo a sapere che tutti quelli che conosco hanno un amico notaio. Nessuno sa però dirmi costi e condizioni. Google, il più potente motore di ricerca per il porno, mi guida in un dedalo di siti di notai calabresi, pugliesi e siciliani. Il mio percorso si ferma su un sito dove comprendo il reale importo della possibile fattura di un notaio. Decido tomo tomo cacio cacio di farne a meno.

Momento V: prontamente mi chiama l’amico di amici che mi ha proposto un mutuo. Domande semplici tipo: "Allora?" "hai deciso?" " che si fa?" mi riportano alla dura realtà dei fatti. Glisso le pressioni e riscrivo su un foglietto tutti i numerini. Per avere chiara la spesa. Allora: 100 più 140 però meno 20 che se riusciamo a risparmiare diventa 210 senza le tasse, con 30 di lavori, meno 12 che si tolgono, contro i 092819 iniziali se avessimo tolto i 320192 totali dalla cifra. Appoggio la penna, piego con precisione il foglietto e ne faccio uno splendido caccia, con tanto di alettone. Lancio l’aereo-mutuo verso il muro. Vola poco, appensantito dalle cifre.

Momento VI: sulla strada del ritorno, chiuso in un ingorgo, poco prima di accendermi la terza sigaretta, ripasso mentalmente la bilancia tra entrate e uscite, rinfrescata dal consistente aumento di stipendio. Alla luce dei fatti, avrei avuto bisogno di 150 euro netti in più. E ne ho ricevuti 50 in meno, per un totale di -200. Di conseguenza, proprio sotto il semaforo di casa arrivo alla soluzione: posso comprare metà casa, e arredarne metà. Inoltre, con i soldi che avanzano, posso anche permettermi il lusso di pagare un quarto di dentista ( anestesia più otturazione, senza chiusura) oppure un terzo delle ferie ( ferie in sardegna= posso andare in autostrada fino a Tortona e tornare). Felice di aver trovato una soluzione mi compiaccio e penso che tante volte l’ignoranza è la salvezza definitiva. E vorrei avere quel sorriso beato e tranquillo che avevo a undici anni, quando ero all’oscuro di tutto…. ( sopra una diapositiva della beatitudine dell’ignoranza).

 

7 pensieri su “A Momenti mi ammazzo

  1. grazie luca, ma è inutile. questo è un complotto, te lo dico io… mona propone l’abnormal, perchè il sand è palloso. dice che lo gestisce una nostra compagna delle elementari, come fa a ricordarsela lui non lo so… a stento si ricorda di me. ma se ho capito chi è… vale proprio la pena. cmq a me va bene tutto. come sempre, tranne la trattoria, come sempre.
    bacio a tutti
    la sciura

  2. hey posso venire anch’io???????

    voglio farvi morire un pò d’invidia….sono abbronzata, stamattina day off e sono andata in spiaggia.

    la cimo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...