la fine del mondo (spiegazioni plausibili)

Talvolta ho l’impressione di vivere assieme a un ammasso di persone lievemente idiote. Poi, gironzolando per la vita, mi rendo conto di poter tranquillamente rimuovere "lievemente".  Uno dei criteri massimi per definire la stupidità di un uomo sta nell’osservare attentamente, bastano alcuni istanti, quanto il soggetto in questione si prenda sul serio. Prendersi sul serio è evidente sintomo di una rigogliosa forma di idiozia oltre che la porta spalancata sull’universo delle figure di merda. Essendo questi giorni i primi dell’anno, secondo il calendario gregoriano in vigore in buona parte del mondo occidentale e in numerose isole remote, è abitudine diffusa la consultazione degli oroscopi. Valutare il proprio destino in base alle impostazioni delle stelle è un po’ come affidare la scelta della propria dieta alla caduta dell’acqua nello sciaquone. Acqua che cade decisa, dieta a base di carboidrati. Acqua che si lascia desiderare e che poi cade distrattamente, assolutamente necessario integrare con delle fibre. Lo faresti mai? Come forse, a ben vedere, non cercheresti di autodeprimerti solo perchè un ammasso di idrogeno, elio, silicio, nichel, carbonio e ossigeno (in verità la composizione di una stella è assai più complessa, ma dopo anni di Super Quark il pressapochismo generalista ti soddisfa) si sta spostando nel cielo in una direzione anomala. Tant’è, ma non è certo da un catto comunista affermato e felice come il sottoscritto che può partire una voce critica. Che ognuno creda in cio che preferisce. Che siano palle di elio e altri elementi, che siano uomini, che siano donne, che siano canzoni. Ecco, l’unica grande divergenza, argomento principe di una certa schiera di trasmissioni di spessore come Misteri e Voyager, è su come finirà tutto. Su come il mondo finirà. Non riesco a resistere, mi sto informando il più possibile. Anche per ponderare gli acquisti futuri in base alla solida possibilità che si rivelino inutili. Nel senso che, comprare oggi un’auto elettrica, per favorire la vita del pianeta a beneficio di figli e nipoti, non ha molta logica se poi il 20 -12- 2012 una grande palla di fuoco si scaglia sul parcheggio, sulla sede dell’assicurazione, sulla città e in verità su tutto il mondo. Molto meglio continuare a girare con la splendida euro 0, che farà anche tanto male alla terra, ma tanto dopo quarant’anni di maranza che sgasano con l’Alfetta, due anni di giretti fuori porta non cambiano di molto. Sicchè, i Maya, questo popolo ingegnoso ed estremamente evoluto, dicono che tutto finirà in un pomeriggio di dicembre. Che spesso anche qui a Milano sembra la stessa cosa. Ma poi ce ne facciamo una ragione e un altro nebbioso giorno arriva a deliziarci. Tra le invenzioni del popolo Maya ricordiamo il veicolo a tre ruote con cui si muovevano tra Guatemala e Ciapas per approvvigionarsi di uova per la loro famosa salsa, la May O Nese. Il veicolo, poi riscoperto anche ai giorni nostri, è stato battezzato l’Ape Maya.  Anche Nostradamus, controverso personaggio nato per deliziare le fantasie di milioni di paranoici, dice che tutto finirà. Qui si portano misteriosi disegni a prova di una (ennesima) profezia, in cui il saggio paventa sfighe cosmiche per tutta la superficie calpestabile del mondo tranne che per l’hinterland Milanese, che dopo secoli di vita passata all’inferno, verrà risparmiato. Poi ci sono i (molto) meno attendibili santoni. Per tutti, più o meno, la fine del mondo arriva a breve. La cosa che più mi affascina è la struttura narrativa che correda queste tremende michiate. C’è una storia, più o meno credibile, un’ingorgo di colpi di scena, tradizioni e grossi casini cosmici, a testimoniare che l’eletto ha in mano la verità. Più ragionevole la teoria per cui, tra circa cinque miliardi di anni, il sole si spegnerà, come una lampadina dell’Ikea, lentamente, per lasciarci tutti al buio. Non credo che la cosa possa riguardarmi direttamente. Possibile che non ci siano modi più ragionevoli per predirre la fine del mondo? Ad esempio, sottoponendo un’intera città all’ascolto di un album di Federico Zampaglione può portare al coma generale, questo credo che se non direttamente dimostrabile sia intuibile. E’ anche credibile che le nuove vetture della Citroen, diciamo quelle prodotte dopo il 2000, figlie di designer ubriachi, si ribellino all’incredibile bruttezza di cui sono figlie, e prendano dominio del mondo uccidendo prima tutti i francesi, poi gli italiani che festeggiavano e poi tutto il mondo. Teoria ragionevole anche quella della Fine del Mondo al GF. Seguendo la teoria per la quale ad ogni edizione i concorrenti del Grande Fratello raddoppiano si piò stimare che per il 2120 la pro pro nipote della Marcuzzi porti all’edizione italiana gli ultimi cittadini rimasti non ancora andati in onda. Da qui una terribile guerra, capitanata dal nipote di Alessandro del GF 14, alleato con Jordi del GF 121 e le sue temibili truppe di checche isteriche. Morte e devastazione. Va bene lo scoglimento dei ghiacci, ma perchè non considerare la fine della reperibilità della carbonella. Milioni di latinos, armati di punzoni da griglia, che uccidono altri uomini per ricavare carbone dalla loro lenta decomposizione.

Andrò avanti nella ricerca, questo post non è certo finito qui. Saprò di sicuro quando finirà il mondo alla fine dei miei studi, anche se ricordo momenti in cui, guardando il cielo, pensavo che tutto sarebbe potuto anche finire lì. Momenti in cui, davvero, della grande palla infuocata non me ne sarebbe fottuto più di tanto. E’ per questi momenti che una vita andrebbe vissuta. Anche solo fino al 2012.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...