Io sono un uomo d’immondo

Quello stronzo del libro di Carver si è dimenticato di immettersi nella mia valigia. Anche i calzini puliti si sono dimenticati. Per i calzini poco male. L’assenza di Carver aleggia pesante nella stanza. Non ho sonno. Passo in rassegna tutte le possibili azioni correttive all’incredibile gesto di Carver. Persona decisamente inaffidabile questo Carver. Me ne ricorderò, la prossima volta in libreria. Te la farò pagare comprando un libro della Kinsella. Non mi rimane che la televisione. Tolti i porno, che mi costerebbero troppa fatica intellettuale, passo in rassegna il palinsesto, ballando da una televisione locale spagnola a Mtv tedesca. La lingua tedesca non può essere messa in musica, questo il popolo tedesco dovrebbe saperlo. Appassionato da uno scippo in un vicolo di Barcellona, o almeno così credo di aver capito, cedo lentamente al sonno, sprofondando nel cuscino. Dopo essermi svegliato tre volte in due minuti e mezzo, per controllare di aver messo la sveglia sul telefonino, chiamo la reception e mi faccio mettere la sveglia. Sento il bisogno di dormire, ma il fatto di non poter leggere mi frustra. Riaccendo la televisione e guardo un delirante svizzero che vende coltelli, trapani, seghetti, martelli. L’enfasi è militare, le dimostrazioni molto fisiche. Per fugare ogni dubbio sull’indispensabilità degli utensili, incrocia gli usi e martella con il seghetto tentando di tagliare con il trapano. La Cnn è incastrata in un reportage sul canale di Panama. Sento il cuscino sempre più morbido, sempre più invitante. Controllo la sveglia sul telefonino e mi addormento lentamente, con degli strani rumori di sottofondo.

Tornato in Italia scopro di essermi perso la prima uscita in pubblico del duo Vespa Silvio. Per non cadere nel tranello catto comunista di essere informato male, decido di non informarmi del tutto. Ma rimango pericolosamente sospeso sul baratro dell’ignoranza. E la cosa mi divora. A quanto ho capito, sono state costruite delle casette in legno per le escort del presidente, che finalmente può lasciare villa Certosa al Polacco con il pisello più breve del mondo. Le casette sono state costruite dalla Provincia di Trento, però Bertolaso, passato da uomo ragionevole a incrocio tra Tremonti e Alfano, si è preso il merito di aver messo dentro ogni dispensa le cose indispensabili per la sopravvivenza, tra cui numerose copie liofilizzate del cervello di Bondi, ottimo condito con verdura fresca di stagione. Pare che qualcuno abbia bombardato delle navi piene di rifiuti radioattivi. C’è grosso biasimo dell’opinione pubbilca, che preferisce che i rifiuti tossici rimangano vicino alle coltivazioni di pomodori. Però, finalmente, potremo mangiare i totani alla Cernobyl senza dover importare il pesce e riducendo l’inquinamento. Sento di dovermi informare. Sento l’ignoranza che mi divora, eppure sono mancato dal suolo patrio solo per pochi giorni ed ero informatissimo sulle questioni vitali.

Maledetto Carver, me la pagherai

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...