La Parabola del Pozzo

Un giorno Gesù andava cercando un ulivo sotto cui riposare. Al seguito, fedeli e silenziosi, c’erano tutti e dodici gli apostoli. Siccome fuori da Gerico di ulivi non ce n’erano mica troppi, Gesù borbottava strane cose, mentre Giovanni, il suo prediletto discepolo, cercava di carpirne alcuni spezzoni, solo talvolta distratto da Giuda Iscariota, che cercava continuamente di rubare dalle tasche delle tuniche dei dodici.

"Ulivum Segretum!"

"Ma mio signore, cosa dici? Preghi forse Dio?"

"Ulivum Apparsum"

La strada si faceva irta, la terra arida e il sole cocente rendevano l’ambiente estremamente difficile.

"Ulivum Oplalalà"

"Giuda, per Nerone Infuocato! Smetti di palpeggiare la mia tunica!"

"Ulivum Comparsum!"

"Eh per Augusto Grassone, non ti scaldare…"

"Smettetela, mi distraete"

"Ma mio signore, egli ruba dalle mie tasche".

"Per forza Giovanni".

"Perchè mio signore?"

"Poichè sei l’unico con il portafogli. Ti ho detto mille volte di mettere i soldi nelle mutande".

"Hai ragione mio signore".

"Beh, dove ero arrivato? Ah, Ulivum E voilà!"

"Mio signore, è apparso un ulivo!"

"Eh, che cazz… Pietro, scrivi, veloce, Ulivum e voilà!"

"Mio signore, Pietro si è fermato a Sesto San Gerico, appena fuori dalla città, prima di Cinisello Balsamum".

"Perchè mai non dovrebbe seguire il suo maestro?"

"E’ rimasto a fare provviste per la cena di Pasqua".

"ah, speriamo che si ricordi della maionese".

Giuda allora si allontanò dal gruppo, con il portafogli di Giovanni tra le mani. Con la carta Centurio Gold di Giovanni fece numerosi acquisti illegali, cadendo nel baratro del peccato. Al suo ritorno, alcuni giorni dopo, trovò Gesù sulla porta del piccolo casolare dove si erano fermati, proprio davanti a Tiberiade.

"Sei arrabbiato con me?"

Ma Gesù, agitando un ramoscello, parlava verso la terra:

"Pozzum cum Carrucolae!"

"Sei forse arrabbiato con me?"

"E perchè mai?"

"Per il portafogli di Giovanni…"

"Oh, Giuda, se mi dovessi incazzare per ogni cazzata che fai. Non sai nemmeno che per trenta denari saresti disposto a tradire".

"Eh, per trenta denari mi stacco anche un dito…"

"Ora lasciami solo, perchè il tuo peccato incombe sulle mie spalle. Pozzum Adessum!".

"Si, mio signore. Ma in verità vorrei dirti che…:"

All’improvviso apparve un pozzo proprio sotto i sandali di Giuda, il quale cadde tra urla e lamenti nell’oscurità della terra.

"Oh porca Cesarea!"

"Signore che accade?" disse Matteo uscendo dal casolare.

"Oh, niente, niente"

"Ma ho sentito urla di dolore".

"ti ho già detto di andare a farti vedere. Ma da uno bravo…mica che da una piccola otite ti viene qualcosa di serio…"

Allora Matteo rientrò e Gesù si rivolse al padre:

"E mo?"

"Eh, la cosa è Gravina…"

"Che pessima battuta, padre. Ora ti prego, aiutami. Perchè Silente non mi ha insegnato bene tutto".

"Sia, ma sia l’ultima volta".

"Grazie padre".

E Giuda ricomparve, frastornato ma deciso a guadagnarsi quei trenta denari.

"Signore, mi hai punito per qualcosa?"

"No, Giuda. Era solo per dirti che i pezzi del pozzo pazzo impazzano piazzando pozzi se puzzi"

"Ma signore, nulla ho compreso della tua parabola!"

"Poichè non hai rinnovato l’abbonamento alla parabola, e le mie parole sono criptate. Per la tua avariza, morirai tradendomi!".

E di colpo scese la notte su Tiberiade. Una notte in cui tutti rifletterono sulla parabola.

5 pensieri su “La Parabola del Pozzo

  1. Franz, ti sei superato.
    E hai postato alle dieci del mattino, quando io personalmente sono ancora in stato confusionale (beh, comunque sono in stato confusionale todo el dìa…).
    Comunque: grandissimo!

    A:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...