Sento la musichetta di attesa…

Loro mi chiamano da almeno 4 mesi. E per i primi 3 giorni ci avevo anche creduto. Nel senso che pensavo che fossero quello che dicono di essere. Loro sono una delle più grosse società di recruiting italiane, europee, e perchè no mondiali. Hanno uno splendido ufficio in centro a Milano. L’ufficio è pieno di operose formiche, rigorosamente laureate in psicologia, che prendono degli annunci senza capirne granchè, aggiungono dei curriculum senza capirne granchè e provano a far combaciare il tutto. Per un subdolo meccanismo massonico, una volta iniviato, il tuo curriculum viene inserito nel database con alcune chiavi di ricerca. Parole, insomma, che possono essere ricercate in ogni momento.

Supponiamo quindi che la graziosa psicologa sia stata colpita da alcune parole del mio curriculum:

"Come product manager ho forte esperienza commerciale e buona conoscenza territoriale. Gestisco inoltre diversi agenti sul territorio. … per anni ho fatto il volontario presso la Croce Maria Bambina… inoltre amo la lettura… ottima conoscenza inglese, spagnolo scolastico…."

Da quel momento in poi, ogni qualvolta qualche operosa psicologa immetta nel database la parola product manager o territoriale, il sistema elenca tutti i curriculum tra cui il mio.

Dopo questo passaggio, vieni chiamato per un colloquio conoscitivo. Momento topico: lei ti vede come product manager: tu sei un product manager, l’azienda sta cercando un product manager. Bingo.

(Queste ultime righe sono l’eccezzione. Ciò accade 3 volte su 123000302010 periodico. Solitamente va così):

Psicologa operosa: "Signor Franz?"

franz: "si pronto?"

PO: chiamavo in merito a una posizione di product manager territoriale diversi agenti spagnoli volontari. E’ interressato?

F: Posso chiederle di spiegare meglio?

Riattacca.

PO2: "Pronto?"

F: Si?

po2: chiamavo per una posizione di Volontario. Le interessa?

F: riattacco

PO3: Buonasera, disturbo?

F: chi parla?

PO3: chiamavo per una posizione di web account assistance developer

F:…

PO3: le interessa?

F: in cosa consiste?

PO3: nello sviluppo territoriale di account agenti su aree spagnole.

….

Ieri sera, ore 19.00, squilla il telefono. La voce è nuova. Una nuova psicologa operosa. Mi chiede se desidero fare un colloquio, ma mi specifica che si tratta di uno stage. Le chiedo in che cosa, per quale azienda, dove.

Titubante mi risponde: è uno stage in un call center.

Nel mio silenzio trova il coraggio di aggiungere: è un call center di una grande azienda. E anche famosa. Vabbè mi sbilancio, le dico il nome anche se non dovrei: la Rovagnati.

Mentre metto giù di scatto scoppio a piagere dalla felicità. Ora mi è tutto chiaro.

"Rovagnati buongiorno sono Franz, posso aiutarla in merito ai nostri insaccati?"

"Crudo o cotto? Granbiscotto sono Franz posso aiutarla?"

"Casa del Maiale buondì, posso aiutarla?"

"Rovagnati good morning, may I help you with our hams?"

Un pensiero su “Sento la musichetta di attesa…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...