Il Tramonto di un Mito

Credo che annullerò il matrimonio.

Ho avuto nella mia vita pochi miti, poche grandi passioni. Il caso vuole che per lo più fossero tutti già morti nel momento del mio innamoramento. Prendi Freddy Mercury. Lo amo e lo considero più di un mito anche grazie al fatto che fosse già morto e che io non abbia mai assistito a una delle sue scappatelle romantiche con qualche fustone.

Così per Picasso, Dalì, Neruda, Che Guevara, Gesù, Giulio Cesare, Rowntersan etc etc.

Lui è morto. Era uno dei pochi, nel mondo dei vivi, a suscitare ammirazione. Con il suo completino cachi, la pettinatura anni 80′ e l’espressione del soddisfatto perenne, si immergeva, arrampicava, incuneava nei pertugi più remoti del mondo per toccare con mano le più pericolose creature del mondo.

Devo convenire con chi diceva già da tempo che infilare la testa in bocca a un coccodrillo non fosse la cosa più sensata del mondo, ma allo stesso tempo bisogna che si dica che è uno che ha inventato un nuovo genere televisivo.

Come Biscardi ha riinventato l’italiano, cosi Irwin ha creato una televisione nuova.

Peccato….

PS: per il mio matrimonio metterò una cintura di coccodrillo in tuo onore.

 

3 pensieri su “Il Tramonto di un Mito

  1. Pensavo di dedicargli anche io un post: “in culo all’anaconda” per il suo ultimo grande viaggio, ma poi mi sono sopraggiunti altri problemi contingenti, quindi ho soprasseduto.

    Comunque sono in lutto pure io!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...