La cintura muccata: ode al particolare

Il Presidente (foto da archivo)


 


 


 


 


 


 


 


 


 


eh si…  l’occasione era troppo ghiotta per essere lasciata lì ad impolverarsi sotto inutili pile di ricordi. Diamo a Cesare quel che è di Cesare, e ancora meglio, diamo al Presidente quello che è del Presidente. L’occasione viene da suo compleanno, il posto è conosciuto come fosse una seconda casa: la platea è variopinta. Visti gli ultimi insuccessi elettorali il Presidente si fa forza portandosi dietro una nutrita rappresentanza di attori del Circo di Vigevano. Ci sono tanti personaggi per la gioia di grandi e piccini: c’è il finto Fisioterapista, il finto Pugile, la finta Tettona, il finto Amico. Si vede che sanno lavorare insieme, e noi glielo lasciamo fare. Anche perchè tante volte è giusto fermarsi a pensare: e davanti al maglione di Krine era giusto osservare più di un minuto di silenzio. Proprio da lui parte la roulette delle pagelle: si presenta vestito da Man In Black, con il cappotto di Matrix e la fidanzata di Die Hard: molto multiplex, beve solo su richiesta e fuori dalla sua bmw si sente disorientato. Voto: 6, può dare di più.  E per la serie si può dare di più l’Amasciatore, reduce dalla settantesima partita di calcetto in due giorni, soffre sempre di più dei sintomi della sindrome di Fantozzi (al quale sempre più somiglia tra l’altro…). Arriva tardi, ingurgita un cuba e scappa con Cinzia al seguito: impiegati, voto 5. In una delle più belle riedizioni di se stesso Wilson ripropone un broccolo con pubblico pagante. Se per limonare ha bisogno della platea, siamo pronti ad affittare San Siro per vedere il resto. Voto: 7,5 show man. Vorrei ma non posso, questo è quello che pensano le giovani vigevanesi quando vedono arrivare le tette di Checco. Turgido, unto e pettinato direttamente da un falegname, il piccolo grande Checco rispolvera uno dei suoi personaggi preferiti, in attesa del G-Lounge, unico posto dove si sente davvero a suo agio: voto 6,5. Ecco una delle star di punta della serata: come per tutti i fenomeni , la via del successo si incontra sempre con la via delle stelle. E se i Take That erano grandi, ma Robbie da solo è meglio, allo stesso modo le Tre Marie di Abbiategrasso (per l’occasione in formazione completa da quattro) sono grandi, ma la Dani da sola ha la strada della fama spianata. Timida timida, confessa alle telecamere di aver appena passato l’esame di apnea. Finalmente potrà avere rapporti orali tenendo il naso tappato. Niente più odori per lei. Si pensa che lo abbia fatto per piacere ancora di più a Renato, con il quale, come tutti sapete, ha una storia. Si sa anche che Renato pecchi nell’igiene intima… e se tanto mi da tanto… Professionale e disinvolta: 7. Direttamente dall’aldilà rispunta l’Ignorante, titolare dell’unica rubrica al mondo in cui la gente gli chiede le cose e lui manco risponde. Sereno e dialettico, porta vari broccoli incorciati con la sua migliore tecnica: parlando in continuazione con tono monocorde stordisce la sua vittima portandola all’ipnosi: tra le sue prede: Joelle e Erika. Paziente e magico: voto 6,5. Soffre del troppo lavoro l’assistente del Presidente, che insieme a Guido ( ma si, quello che limonava con quell’altra… proprio lui) gestisce le pubbliche relazioni del festeggiato. Tra i miei personaggi più cari, ma senza voto, ricordo con piacere Simpaty e Scentology, due simpatiche ragazze pon pon di Vigevano ( e che pon pon…). E come non ricordare Joelle, alla sua prima presenza. E come non citare la Simo ( ma si proprio lei, quella che fa gli occhi dolci a Wilson), e la Fra ( ma si quella che fa gli occhi dolci al Presidente) e come non citare la Signora ( ma si quella che fa gli occhi dolci all’Ignorante e a Krine, ma che rimane la mia fidanzata), e la nostra Maia, tornata dopo un ritiro sabbatico in Serbia… Ma per ultimo lui: il festeggiato. Per il suo compleanno il Presidente sfodera uno splendido costume da paggetto gay del settecento, con tanto di cintura muccata. L’elemento che fa la differenza, la classe condensata in un girovita, un richiamo a nobili origini. Distribusice free drink per tutta la sera ( mi sono messo in coda trenta volte), saluti, baci, occhiolini e palpatine. Sembra contento (quando il suo assistente gli ricorda di esserlo). Un grande padrone di casa. Peccato per i capelli, davvero troppo banali visto il costume degno di Elton John. Voto:8 regalato!!! (forse sono corrotto dai cinque cuba che mi ballano ancora sul fegato). Voto globale: 9, c’erano tutti, e forse questa è una gran cosa…

3 pensieri su “La cintura muccata: ode al particolare

  1. COMUNICATO STAMPA DALL’UFFICIO DEL PRESIDENTE
    Subito una precisazione da fare: Simpaty&Scentology provengono da Imperia e non da Vigevano.
    Detto questo ci tengo a far sapere una cosa che può sembrare banale, ma è detta davvero con il cuore: erano anni che sognavo una serata come quella di ieri e vi ringrazio di avermela regalata. Tutti i voi non siete venuti alla festa MA SIETE STATI LA MIA FESTA….
    Vi ringrazio sinceramente per avermi reso un uomo felice!
    Il Presidente

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...