Scommesse

21 Lug

– Dimmi solo se ti disturbo

– sono le sei e mezza.

– ok. Avevo voglia di parlare

– Che cazzo ci fai in macchina alle sei e mezza?

– Vado a Parigi.

– Quando torni?

– La domanda perfetta sarebbe: torni?

– Torni?

– Si

– Questo è un buon inizio. E’ un atto di coraggio. Hai idea di dove vorresti tornare?

– facciamo un gioco. ti scrivo un messaggio prima di partire. Ti scrivo dove vorrei tornare. Tu mi scrivi dove pensi che io voglia tornare. Se ci prendi sei brava

– che cazzo di scommessa è? Io sono brava.

– Ti offro una cena di pesce

– non verrei a cena con te per nulla al mondo.

– Tu e chi vuoi tu

– Ok.

– Scriviamoci tra venti minuti.

– Se vinco mangio pesce. Giusto?

– Si

– Se perdo?

– sei l’unica donna al mondo di cui mi fido. E non mi conosceresti. Avrei sbagliato qualcosa con te.

– Su questo, piccolino, sei bravissimo. Non sfidare la sorte.

– venti minuti.

– ok

————————————————————————————————————————–

 

– come cazzo hai fatto a scrivere esattamente il posto?

– me ne hai parlato con gli occhi illuminati. Hai gli occhi che parlano tu. Dovresti saperlo. Le donne leggono gli occhi. Le madri leggono gli occhi. Io sono donna e madre. I tuoi occhi non sorridono mai.  Sei incastrato.

– Fottuto

– Si, sembrava più carino incastrato.

– Ti devo una cena di pesce.

– Per due

– Mi ci porti?

– No.

– Secondo te dovrei andare?

– No

– Mi fa male

– Non c’entra

– farò male sicuramente a qualcuno in questo periodo

– meglio prima che dopo. E meglio tardi che mai.

– tutte e due?

– sicuramente si. Le donne soffrono molto per amore.

– Anche io

– tu, ultimamente sei più causa che effetto.

– non mi fa sentire bene.

– il mio ruolo non è di farti sentire bene. Ogni tanto tendi a non voler ascoltare la verità. E’ strano. Sei un uomo molto intelligente. Sai benissimo cosa fare.

– Ho preso delle decisioni grosse.

– ti avevo chiesto di non prenderle.

– Non posso far soffrire. Io non sono capace.

– Sembri abbastanza portato, invece. Hai una spiccata dote per farlo.

– sei stronza parecchio stamattina.

– vuoi chiamare il tuo punto di ritorno? Sentire cosa ti dice? Lascia fare. Te lo dico io. Tu sei un figlio di puttana. E anche grosso. Ma sapendolo, una potrebbe prenderti e gestirti bene.

– come cazzo hai fatto a indovinare il posto esatto?

– E’ un fiume abbastanza imponente.

– Ho paura

– di cosa, esattamente?

– Ho paura, in generale.

– Di scegliere?

– forse

– hai detto di aver scelto

– per evitare vittime

– primo tu non saresti in grado di uccidere nessuno. Secondo, tu non devi pensare alle vittime. Terzo, tu sei matto come un cavallo.

– Due su tre le sapevo già. E’ troppo tempo che ci frequentiamo.

– tu rinunci alla felicità per evitare vittime?

– no. Evito vittime.

– tu sei un cazzone scemo

– che credo sia un’offesa

– tu sai di avere il potere di chiedere?

– si

– e allora chiedi

– che rumore è?

– la macchina del caffè.

– mi manca il tuo caffè.

– non cambiare discorso

– a Parigi il caffè fa cagare

– a Parigi, la vita fa cagare

– si. concordo

– lo so che concordi. Me lo hai detto tu

– ho perso una cena di pesce

– gioco in casa piccolino. Ti posso dare un suggerimento?

– ti pago per questo

– vai a riprenderti quegli occhi che hanno sorriso. Ritorna a prenderli. E portali in giro. Poi, a suo tempo, troverai una soluzione da offrire al mondo. Prenditi la tua soluzione.

– Questa è la mia idea

– per questo fai tutto il contrario?

– Non voglio vittime

– ne farai molte di più

– non voglio una vittima

– l’hai uccisa già.

– sei stronza. Perchè giochi con i punti di vista

– sei coglione. Perchè non capisci l’unico punto di vista che dovrebbe interessarti.

– ho il vomito

– da una settimana

– meno

– hai vomitato ancora durante il week end?

– ho smesso. Ma mi viene il vomito quando ci penso

– allora pensaci.

– tu, io. Tu, io non ti capisco.

– io sono madre. E donna. Io ho avuto il vomito. Per un figlio e per un marito. Fidati, il tuo vomito è nulla a confronto.

-…

– Torna presto.

– ok

– E torna giusto.

– penso di farcela

– nel posto giusto dico.

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: