Febbre a 90

Alcune culture, prettamente orientali, vedono la febbre come uno dei possibili percorsi di purificazione umana. Molti monaci si fanno venire la febbre, sfregandosi foglie urticanti oppure passandosi il ghiaccio sul petto, per poi entrare in quello che viene chiamato stato di avvicinamento al Karma. In questa fase, mentre il corpo è abbattuto nella lotta contro i batteri e i virus, dicono si possano avere delle visioni e ricongiungersi con il proprio io. 

E’ sempre molto interessante capire come le differenti culture affrontano il male e la sofferenza. Sempre molto interessante. 

Osservo il termometro digitale, cercando di ricordare se vadano aggiunti 0.5 gradi o tolti. In ogni caso, la questione è abbastanza seria. Del mio Karma non c’è traccia, eppure la febbre è molto presente, decisamente troppo presente. Emano un odore che in alcune culture orientali servirebbe ad allontanare il karma delle altre persone. Qui da noi, semplicemente, non mi si avvicinerebbe nessuno, se non obbligato a farlo. Un misto tra cadavere, sporco e rifiuti del Mc Donald. Non so perchè, ma quando sto male puzzo di Burger King andato a male. 

Indosso un insieme di coloriti avanzi dell’armadio, che uso come sudario. Non sapevo nemmeno di avere un pile della Decathlon. In effetti, è una cosa decisamente brutta, ma molto funzionale. Anche delle calze burlington, che da sano non indosserei mai, nemmeno sotto tortura. 

Mio padre, in un impeto di pietoso affetto, mi ha anche portato un cappello di pile, dicendo che era mio e che lo mettevo al liceo. 

– Che cazzo me ne faccio di un cappello di pile?

– quando stai male sei scontroso. Mettilo, ti terrà coperta la fronte

– ma al liceo mettevo davvero queste robe?

– era il tuo preferito

Attendo speranzoso che il cocktail di ibuprofene, acido acetilsalico, vitamina C, e un paio di antibiotici, riporti il mio corpo nel mondo dei vivi. Sento il peso della schiena, il caldo delle coperte, un orrendo mal di testa, e una insana temperatura nelle parti basse, che tecnicamente passa sotto il nome di: coglioni a bagno maria. 

Ho chiamato il mio medico. Ho elencato i sintomi, mi sono sentito dire che era tutto normale, anzi, meglio così. 

– Meglio così in che senso?

– ti fai gli anticorpi

– per cosa?

– contro la prossima.

– ma siamo a febbraio, cristo, che cazzo vuoi che mi faccia gli anticorpi, per maggio?

– sei scontroso quando sei malato

– dammi gli antibiotici

 

Io il mio karma non l’ho incontrato. Ho sognato, in quarantott’ore di febbre, alcune complicate vicende, sullo sfondo di un paesello molto caldo, desertico, nel quale alcuni miei amici ed io eravamo impegnati a fare delle cose. 

Ho anche fatto sesso con una misteriosa donna, dalle sembianze di Sarah Palin. 

Ho caricato una jeep e sono scappato verso il confine, ma poi dei soldati del tutto simili a Denzel Washington ci hanno sparato a bruciapelo. Uno dei miei amici è morto. Io sono sopravvissuto. Ma non sono riuscito ad andare oltre il confine. 

Semplice influenza. 

Controllo sconfortato l’elenco di mail. Gente che mi scrive. Io non rispondo. Allora si risponde da sola. Poi mi riscrive, per sapere cosa ne pensavo della risposta. Poi, in totale autonomia, prende una decisione, quella sbagliata. 

Osservo compiaciuto questi uomini e queste donne prendere decisioni da soli, sbagliare, e poi entrare nel panico. Non per l’errore. Ma per la coscienza di aver preso una decisione. 

Finalmente, dopo quarantott’ore di letto, mi alzo, procedo verso lo specchio. Mi osservo. 

Sembro uscito da un incontro di boxe. 

E questo pile è davvero orrendo. 

Mi faccio un caffè, osservando il viale, con le macchine in coda. 

Mi accendo una sigaretta.

Ha lo stesso effetto di un joint di white widow. 

Mi gira la testa, sento freddo, torno a letto. 

 

Ritornerò. 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...