Vittoria ai punti

Ho, decisamente, un problema di punteggiatura.
E’ l’ultimo pomeriggio di questo mare. Del mio mare. Arrivo con il battello di metà pomeriggio e mi siedo sul mio piccolo sasso. Vista sul nulla del mare.
Dio sa.
Dovrebbe sapere.

Il vento nasconde il sole, increspa l’acqua, svuota il cielo. Si vede la Francia. Si potrebbe immaginare la Spagna.
Dio sa.
Mi auguro che sappia.

Mi butto dagli scogli alti e mi lascio trasportare dalla corrente fredda per qualche minuto. Porta verso la città. Sembra che abbia fretta, questo mare, di farmi tornare.
Nuoto fino al mare aperto, il fondo scuro nasconde molte cose. Molte cose sono nascoste.
Ritorno sui miei sassi. Due tedeschi mangiano frutta, arroccati su una roccia vicino. Due coppie, a pochi passi, sono sedute immobili. Il bello di questo posto, oltre che la pressochè totale irraggiungibilità per le festose masse di idioti, è che il mare da spettacolo, costringendo quasi tutti a un religioso silenzio.
Possono urlare solo le cicale.
Da sempre.

Porta una donna, la donna che ami, qui. Su questo sasso. Siediti con lei. Osserva il suo sguardo. Se parla o se guarda altro che non sia il mare, non sarà la donna per te. Me lo sono sempre detto e ripromesso. Poi, quando era il momento non ci ho mai portato nessuna.

Quando i pensieri arrivano ad essere troppi, mi ributto semplicemente in acqua. Galleggio, nuoto verso il mare aperto, ritorno. Prima, poco prima, che mi venga, esplosivamente, da piangere.
Dio sa.
Dovrebbe, perlomeno, sapere.

Sono venuto qui per mettere un punto. Alcuni punti. Ho un problema di punteggiatura. Non ho messo nessun punto, mi sono scivolati in mare, cadendo sul fondo.
Torno senza aver messo un punto.
Sapendo bene cosa voglia dire.

Resto fino alla fine. E’ il mio ultimo pomeriggio qui. Ne sono abbastanza sicuro. Per quest’estate, intendo. Ma, cinicamente, non si può mai sapere. Il sole quasi tramonta.
Mettendo un punto a questa giornata, a questo mare, a questa estate.

Il battello è strapieno. Gente che vorrebbe restare. Di gente così, ne conosco, per fortuna, abbastanza. Sono quelli come me.

Servisse, tornerei subito. Punto.

Non è facile possedere la punteggiatura giusta. Nella vita.
C’è chi ci fa l’amore. Prendi Baricco. Puoi dire di tutto di Baricco. Ma è l’uomo che ha fatto innamorare la punteggiatura. Si vede da come si prendono per mano.
Prendi Carver. Il periodo perfetto, che deve finire al momento giusto, che deve seguire il senso della frase.

Eh già, il senso della frase.

La punteggiatura, nella vita, è quasi tutto. Saper mettere punti, nelle cose, alle situazioni, è questione di tempismo, follia, intuizione. Genio, insomma.

Mettere un punto.
Speriamo Dio stia vedendo.
Non che sia fondamentale. Ma aiuterebbe.

Tornare in paese è sempre abbastanza drammatico. L’umano catalogabile, in versione balneo-chic, passeggia per un immaginario struscio tra simili. Tacchi alti e mocassini, per me che starei a piedi nudi. E ci sto. L’imperfetto umano in mostra. Pance appoggiate su tatuaggi sbiaditi dall’abbronzatura. Tette che litigano con la gravità, che vince sempre. Peli pubici dimenticati da estetiste di fiducia che fanno capolino da costumi troppo stretti, occhiali che riflettono. Rumore. Maledetto rumore.
Mi siedo di fronte al porto.
Punto.
Pigato.
Un bicchiere.
E’ presto per il rhum.
Dice il popolo.
A vedervi, sento che è troppo tardi per il rhum, ormai.

Credo di aver finito le riserve di Zacapa del posto. Per la gioia del giovane barista, che ogni volta mi spilla cifre imbarazzanti.
Ieri sono passato al Saint Etienne. Meglio del Brugal.

Ieri non ci ho nemmeno provato, alla fine, a mettere un punto.
Guardavo le stelle, sul molo. Alle tre.
Le tre sono un’ora buona per guardare le stelle. Alle due c’è ancora gente. Alle quattro senti che dormirai troppo poco. Le tre sono un’ora buona.

Al posto di mettere un punto ho scritto una poesia. Ottima per Eleonora. Se solo conoscessi un’Eleonora. Sono disposto a vendervela. E’ davvero fenomenale. Se avete un’Eleonora da conquistare. La metterò su eBay. “poesia scritta per Eleonora. No altri nomi. No perditempo. Prezzo poco trattabile. Consegna a Mano solo su Milano. No paypal. Solo Rhum”.

Io non conosco nessuna cazzo di Eleonora. Cazzo. Punto.
E non ho visto nessuna cazzo di stella. Punto.
Avrei un desiderio. Prevalentemente uno.

L’ultima sera di vacanza. Per uno come me è già uno shock. Normalmente.
Figurarsi adesso. Prepara la bottiglia di Saint Etienne. E anche quella di Brugal, vista l’emergenza.
Lascia perdere quelle cazzate da villaggio turistico a Santo Domingo. Bicchieri baloon, cioccolato, arancia, caffè. Bevo a canna.

Aveva detto di amarmi. Punto. Questo non quadra.
Avevo detto di amarla. Punto. Questo non quadra.

Dopo un punto, questo la gente non capisce, c’è sempre una frase migliore. Un solo punto è definitivo, l’ultimo. A quello, spero, mi mancano ancora parecchie frasi. Per questo, in teoria, non mi spaventava. In teoria.

Lascio spesso frasi in sospeso, abuso di virgole, tentenno con il punto e virgola, ma ho sempre saputo usare il punto. A un certo punto. Quando, a parer mio, serviva buttarne lì uno.
Adesso no.
Speriamo Dio stia guardando giù.

Cerco una soluzione, e una sigaretta. Spesso le due cose si accompagnano. Per questo non smetto di fumare.
Ne fumo una dopo l’altra.
Ho la soluzione.

Sembrava difficile.
Come tuffarsi da quello scoglio.
Come respirare a fondo su quella salita.
Come andare fino in fondo a quel sentiero.
Sembra sempre difficile.
Prima di farlo.
Prima di crederci.

Ho messo un punto.
Vedrai che frase, la prossima.

Come
spesso
accade
la cosa più semplice
è scrivere.

Come
spesso
accade
la cosa più giusta
l’avevi scritta proprio tu.

Punto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...