Smau smau micio micio gra gra

Passo uno: a Roma la Tangenziale si chiama Grande Raccordo Anulare. Sei corsie che diventano otto, a volte dieci, passano la città lasciandosi di fianco immensi spazi verdi, concessionari e discariche, un misto tra nord e sud del mondo. Centro appunto.

Passo due: sono a Roma, a sud, scrivo dietro al tramonto. Ho una fidanzata a Milano che cerca casa. Per due. A nord. L’ideale sarebbe incontrarsi. A metà. Firenze. Al centro appunto.

Passo tre: novembre e dicembre sono la fine dell’anno, non del mondo. Gennaio è l’inizio con febbraio. Marzo aprile maggio e giugno sono in mezzo. E li preferisco. Centro dell’anno.

Passo quattro: riguardo a beleza vi consiglio di assaggiare lo spot sul sito. Stasera andrete alla festa. Io in camera a guardarmi CSI. Sarebbe meglio una birretta e due chiacchere. In mezzo, al centro, appunto.

Doppio passo: come un mantra mi ripeto che tutto ha uno scopo. Respiro il caldo di 24 gradi inaspettati, telefono e fumo parecchio. Il telefono alla fine fuma. Guido per strade che salgono intorno a mura che avranno più anni di cristo, con prati e alberi intorno che mozzano il fiato. I pini marittimi, che noi del nord associamo al mare, sono ovunque. Chiudo con il rosa in cielo, la finestra di questo hotel che non si apre, e tutta roma davanti. Tante volte, lo dimostrano i passi, è meglio stare in mezzo. In silenzio davanti a questa vista mi rendo conto di non pentirmi affatto di una cosa: la totale incapacità di stare nel mezzo.

Punti di vista

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...