otto marzo, otto e mezza esco de casa

piccolo spaccato della demenza

Tra le cose che non ho fatto mai nella mia vita c’è anche lo spogliarello integrale. Scopro che è una cosa abbastanza diffusa dai racconti alla radio. Un vero peccato restare chiusi in macchina con questa arietta di primavera, ma almeno vengo informato della possibilità di essere pagato profumatamente per mostrare il culo a un orda di donne. La cosa mi fa sorridere. Se lo avessi saputo qualche anno fa, nel momento in cui scoprivo l’esistenza del mitico Hot Mosquito, night che assomigliava a un circolo per detenuti, avrei proposto lo scambio. Mi ricordo delle pulsioni addominali con cui ci si sedeva sui divanetti polverosi, in attesa dello strip. Con qualche fish si poteva dare una palpatina. E ci sono cascato. Nel senso che un paio di mani ce le ho messe anche io. E vorrei vedere… Ma se me lo dicevate prima ci mettevamo daccordo. Una palpatina alle tette io, una strizzata di pisello tu. Peccato. Beh insomma, festa della donna. L’occasione per ricordare tutte le battaglie delle vostre mamme contro il potere del pene o un buon motivo per godersi un pettorale ben oliato di un clone di un centocelle boys? Meno male che esistono, amo le donne. Nella mia vita ho pianto solo per delle donne. Le donne della mia vita. Un viaggio. E il campionario che mi porto dietro è vasto: amiche, amanti, zoccole, pezzi di legno, stronze, tontolone, bonazze, fidanzate ideali. Eppure ogni volta che ne conosco una è sempre una sorpresa. Una ne ho scelta, fino ad oggi la scelta migliore che abbia mai fatto. Perchè? Perchè è come un viaggio, e ogni tappa è più bella di quanto ti potessi aspettare. E perchè sento ancora forte il pensiero addominale che si confonde con i sogni quando la accarezzo sulla schiena. Facendo gli auguri a tutte le donne del Bradipo, senza nomi per non dimenticarne nessuna, ridacchio sotto i baffi. Perchè se c’è una cosa che non riuscirete mai a cambiare è proprio la società. Ma non potete certo lamentarvi, perchè senza rendervene conto governate il mondo, con il cervello, certo, ma anche con tutto il resto. Diciamocelo, non c’è donna che non sappia usare tutto il necessario per raggiungere quello che vuole. E a noi, oltre al pene, rimane solo da bere il cocktail più buono del mondo: quello che riesce a fare una donna guardandoci negli occhi. Vorrei che gli auguri arrivassero anche a una persona in particolare. Non sa ancora di essere donna, forse non se ne rende conto. E’ confuso. Ma noi gli staremo vicini. Caro Luca, butta tutto fuori. Adesso che sei psicologa, puoi finalmente fare outing. L’otto marzo è anche la tua festa, e noi ti siamo vicini.

9 pensieri su “otto marzo, otto e mezza esco de casa

  1. ma tu dimmi se uno può essere più deficiente! Guarda che se continui poi la gente ci crede davvero e a me tocca andare a letto con tutte le ragazze che hanno questo dubbio. Ti faccio notare che la tua bella signora l’altra sera aveva questo dilemma….vedi tu?! Comunque bella foto, non ne avevi una in cui ero venuto peggio? ilLuca ignorante

  2. solo una cosa: voi omini la dovete smettere con ‘sta storia che “non c’è donna che non sappia usare tutto il necessario per raggiungere quello che vuole”… è una delle tante leggende metropolitane!
    un bacione a tutti i bradipi
    lachiara lasegretaria
    P.S. frase che fa il paio con “io la mimosa non la regalo perché l’8 marzo è solo una festa consumistica”… ma com’è che tutti gli uomini diventano no-global , equi-e-solidali ecc ecc giusto per queste ricorrenze? … in fin dei conti vi piace “consumarci” per i restanti 364 giorni dell’anno…

  3. Cara Chiara, l’otto marzo è una festa di noi compagni lottatori!!!
    Caro Ignorante, non c’è dubbio alcuno sulla tua omosessualità. Non te la prendere, tanto Bologna è piena di culandra con cui scorrazzare sui colli… chissà che belle gite domenicali!!!!

  4. ehm ehm ehm …non ho capito…
    ilPresidente non è ancora arrivato in ufficio e non mi può aiutare: me lo spieghi in parole semplici?
    grazie;-)!!!
    lachiara lasegretaria
    (che non ha capito per davvero!)

  5. DOVRESTI SAPERE CHE IN VERITA’ L’OTTO MARZO E’ LA MEMORIA DI UN MASSCRO DI DONNE OPERAIE, SOLO ORA DIVENTATO LA FESTA DEL PETTORALE UNTO. SE VEDI IL PRESIDENTE, CHE SO ESSERE ANDATO A PUTTANE SULLA STATALE PER OZZERO, DIGLI CHE STASERA SI VA AL DEN

  6. …va bene per il Den…per quanto riguarda le puttane, mi hanno ricordato che devi ancora saldare il conto di sabato scorso quando hai fatto finta di andare a lavorare in fiera!!
    elPresidente

  7. …a proposito di conti…pagami i diritti per la foto usata!! Accetto contanti, assegni, carte di credito o superalcoolici!
    elPresidente

  8. grazie Franz: non avevo colto questa caratteristica peculiare del mio collega… dici che posso mettermi a sfruttarla ?!? pensa che bello: la messa in piega tutte le mattine ;-)!!!
    baciotti!
    p.s. x ilLuca: “non ti curar di loro… ma guarda e passa”
    lachiara

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...