Il piacere di dire le cose…e il peso di saperle

C’è aria di temporale stasera ma il Presidente sembra non essersene accorto e bello come il sole propone un cuba alle colonne! Mah! E intanto eccomi qui a scrivervi.
Leggo con mio grande piacere il primo post dell’Elegante e vedo, con enorme tenerezza e simpatia, che oltre a giocare ottimamente a pallavolo e a bigliardo sa anche scrivere, allora non bluffefava quando mi diceva: “Oh ma cretino certo che so scrivere…ieri infatti ho imparato a scrivere tutto il mio nome e metà del cognome”. Graaaande graaande Riketto.
Approfitto ancora una volta di questo spazio visto che il Titolare è ancora fermo ai box col pc e, come vi avevo detto, sta ancora aspettando che l’ispettore glielo sistemi. Fra…campa cavallo…
Comunque dicevo c’è aria di tempesta ma ormai la primavera è arrivata (e non vedevo l’ora) quindi via tutti fuori. I giovani ragazzi italiani a far vedere i nuovi tatuaggi che si sono fatti in punti strategici (stile vedo non vedo…ma voglio che vedano) trapuntati con nuove magliettine aderenti stile Rozzangeles in modo da evidenziare i muscoletti, capelli impomatati e sorriso smagliante (no non mi riferisco solo al nostro Checco) pronti a catturare la nuova preda di turno.
Ma le ragazze…ohhh sì sì le ragazze…sono ancora meglio, con jeans o minigonne inguinali e a vita rigorosamente bassa ma non per far vedere la pancia a meno che non abbia un piercing…no no banale…ma il megatanga, non vogliamo mica spendere fior di euro da Intimissimi (i miei li compro lì) e non far vedere il nostro acquistino ai maschietti ormonati, come l’Elegante, che posso incontrare in qualche locale.
Che gioventù fantastica! Che gioventù meravigliosa. Siamo noi signori. Queste è la gente che conosciamo, che incontriamo, con cui parliamo. Ma questa gente, facciamoci caso, è sempre gente che non ci colpisce, gente di contorno, tutte persone che fanno coreografia e che, come spesso speriamo o desideriamo, incorniciano il ragazzo/a che aspettiamo e che ci può colpire.
Ma guarda caso di gente così ce n’è sempre di più. Ok sono d’accordo ma a questo punto voglio sapere, fate sapere alla gente del bradipo dal cuba facile qual è la caratteristica che vi colpisce di più nell’altro. E badate bene, non intendo la caratterista fisica (ovvio e banale), ma la particolarità che la persona che potreste incontrare in un locale dovrebbe dire, o fare, o essere, per colpirvi.
Abbiamo tutti un punto debole che, se colpito, ci fa cadere nelle braccia dell’altro/a. E, fateci caso, se pensiamo bene al perché non ci verranno in mente tutti i discorsoni che si sono fatti, ma è sempre un particolare, una parola, uno e un solo ragionamento, uno e un solo sguardo, un solo respiro, un singolo tocco che ci colpisce. Qual è quindi il vostro colpo perfetto, quello che ci colpisce dentro e che ci cattura?
Dai…sbizzarritevi…il bradipo aspetta

9 pensieri su “Il piacere di dire le cose…e il peso di saperle

  1. che sciocco, in tutto questo mi sono dimenticato di dirvi la mia. sono due le cose che mi colpisco principalmente:
    1) una ragazza che ride, e quando lo fa ride anche con gli occhi…è una meraviglia perchè si illumina tutto il viso
    2) l’autoironia, la capacità di scherzare prima di se stessa e poi degli altri
    l’ignorante

  2. “I giovani ragazzi italiani a far vedere i nuovi tatuaggi che si sono fatti in punti strategici (stile vedo non vedo…ma voglio che vedano)”

    Sì, tipo il tuo?!?

    “Ma le ragazze…ohhh sì sì le ragazze…sono ancora meglio, con jeans o minigonne inguinali e a vita rigorosamente bassa ma non per far vedere la pancia a meno che non abbia un piercing…no no banale…ma il megatanga, non vogliamo mica spendere fior di euro da Intimissimi”

    Mmhh, scommetto che tu le schifi e ti copri perfino gli occhi per non vedere tale orrore!
    Io dal basso della mia ignoranza, caro Ignorante, ti dico che rimango abbastanza stordito da un bell’addominale…ooohhhhh l’addominale (bavetta tipo Homer)!
    Ma questo non preclude alla gentil donzella di avere capacità logiche e cognitive tali da poter instaurare una conversazione con noi poveri plebei che dipendiamo in tutto e per tutto da loro! 🙂

    Ciao bello.

  3. per me non esiste una cosa, ma è il giusto mix di colori, odori, sguardi… però collo e spalle hanno sempre giocato un ruolo dominante…

  4. palle? boh! io sposterei l’attenzione più che sull’aspetto fisico su una o più qualità personali
    l’ignorante curioso

  5. 1) una ragazza che ride, e quando lo fa ride anche con gli occhi…è una meraviglia perchè si illumina tutto il viso
    2) l’autoironia, la capacità di scherzare prima di se stessa e poi degli altri

    Però se fosse anche una bella figa… il tuo post sembra nascondere una certa insofferenza che credo di conoscere.
    Sbaglierò…

  6. Ma questo non preclude alla gentil donzella di avere capacità logiche e cognitive tali da poter instaurare una conversazione con noi poveri plebei che dipendiamo in tutto e per tutto da loro! 🙂

    E allo stesso tempo dovrebbero loro conferire (le capacità logico-cognitive dico) la capacità di essere belle, bellissime, inarrivabili e strafighe, ma con dignità. Quella che alcune donne preferiscono seppellire in cambio di 10 minuti da velina (con tutto il rispetto per quelle due gnocche). Insomma, si può essere belle e impossibili senza, per questo, ostentare sicumera 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...